Movimento: la storia di Ivan Matteo Pederbelli

Movimento: la storia di Ivan Matteo Pederbelli, personal trainer online, è davvero forte. Vi sentite bloccati da mesi e mesi di lockdown e restrizioni? Pensate che per voi è impossibile cambiare, che le avete provate tutte? Lasciatevi coinvolgere dalla storia di Ivan e da chi ha vissuto la trasformazione grazie a lui, resterete stupiti.

Ivan Matteo Pederbelli

Movimento

Il movimento che porta alla trasformazione è la via necessaria per uscire dal buio della pandemia. Muovere significa spostare un oggetto da un punto all’altro, cambiare posizione. Muoversi significa spostarsi da un blocco interiore, alla vita. Perciò muoverci ci tira fuori dalla pietra, dal blocco in cui ci siamo nascosti, per andare verso il fluire, il divenire, la vita.

Il lockdown ci ha bloccato nelle nostre case. Qualcuno si è lasciato andare alla sfiducia, qualcuno ha trovato invece nuove vie, come le migliaia di persone che hanno iniziato percorsi di ginnastica e benessere online. E moltissimi hanno trovato Ivan Matteo Pederbelli con la sua piattaforma IMP. Ascoltando le testimonianze di chi, grazie al movimento, ha cambiato vita, viene voglia di conoscerlo.

Salerno e la Scuola Medica Salernitana

Ivan viene da Salerno, e già questo ci porta a trovare le radici della sua abilità di creare trasformazioni grazie al movimento proprio nella sua città. A Salerno nel medioevo è nata la prima scuola di medicina d’Europa, antesignana dell’università.

«Se ti mancano i medici, siano per te medici queste tre cose: l’animo lieto, la quiete e la moderata dieta.» Così si ritrova nel Sanitatis Salernitanum, trattato latino redatto, nel XII-XIII secolo ed è un po’ il motto della Scuola Medica Salernitana. Un’antica leggenda tramanda che la scuola nacque grazie a un pellegrino greco, Pontus, un viandante, Salernus, l’ebreo Helinus e l’arabo Abdela. Dall’incontro tra le culture nascono i percorsi più ricchi. Movimento: la storia di Ivan Matteo Pederbelli.

Dall’incontro tra le culture nascono i percorsi più ricchi

La storia di Ivan

Ivan cresce tra il porto, il nonno è il fanalista del faro, e le piazze di Salerno. È immerso nel modo di vivere “all’italiana”, con una famiglia fortemente radicata. E sulle piazze della città inizia a giocare a calcio raggiungendo presto un buon livello agonistico, giocando con la Salernitana e la Cavese. Il calcio  è la sua unica ragione di vita. Ma a 19 anni accade un brutto incidente in campo che lo porta vicino alla paralisi: “A 19 anni ero su un letto d’ospedale con la parte destra del corpo paralizzata e i medici mi dissero che di una cosa erano certi: non avrei mai più potuto muovere il mio corpo.”

Ivan decide di non operarsi e si lascia andare fino agli abissi più oscuri della disperazione. Improvvisamente davanti a un tramonto, qualcosa d’inatteso accade dentro di lui. La luce vince sull’oscurità. Incontra un amico che lo accompagna a capire: “Il movimento è vita”.

Trova la forza di reagire e lavora su se stesso fino a tornare a fare attività fisica. In questo percorso capisce il suo segreto del cuore: “In quel momento ho capito che le parti più importanti del corpo sono la mente e il cuore e nessuno a parte te stesso può decidere cosa potrai fare e chi diventerai. Tutto è possibile se ci credi veramente e soprattutto nessun problema è cosi grande da non poterlo risolvere.”

Ivan decide così d’iniziare il suo percorso nel mondo del fitness. Tra gli alti e bassi della vita ha una visione che si fa sempre più chiara, Ivan crea così IMP, Impossible Meets Possible e sbarca nel web, inventando i percorsi come  personal trainer online. In poco tempo raggiunge milioni di persone in tutta Europa.

La storia di Ivan sarà presto un film con la regia di Lia Beltrami

Movimento: la storia di Ivan Matteo Pederbelli sarà un film

Movimento: la storia di Ivan Matteo Pederbelli sarà presto protagonista di un film. Infatti Aurora Vision ha deciso di raccontare la sua storia in un film documentario che sarà nelle sale di tutto il mondo a partire dall’autunno 2021. Il film sarà un passo importante per far conoscere una storia di trasformazione e speranza al grande pubblico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *